BCEqGvnA

ACCADEMIA DI SANTA CECILIA - PINNOCK DIRIGE L'ORATORIO DI NATALE DI BACH

Accademia Nazionale di Santa Cecilia 20/21

 

venerdì 18 dicembre ore 20.30 concerto in diretta su IDAGIO.com

 

J.S. Bach

Oratorio di Natale

Trevor Pinnock direttore

 

La prima volta del famoso direttore inglese alla guida del Coro e dell’Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia in un concerto di Natale dedicato a J.S.Bach.

 Uno dei più noti e apprezzati interpreti del repertorio barocco, il direttore e clavicembalista inglese Trevor Pinnock sarà per la prima volta sul podio di Santa Cecilia alla guida del Coro e dell’Orchestra dell’Accademia. Il concerto di venerdì 18 dicembre dalla Sala Santa Cecilia dell’Auditorium Parco della Musica (disponibile in diretta streaming su https://www.google.com/url?q=http://app.idagio.com/live&source=gmail&ust=1608207479388000&usg=AFQjCNHb4Va4-fQLImQ4QCRvM5B_fbhAtA">app.idagio.com/live e disponibile fino al 31 dicembre) sarà un’occasione unica per ascoltare  - sotto la direzione di uno specialista di questo repertorio - una delle più belle pagine bachiane e uno dei capolavori della musica liturgica: il suggestivo Oratorio di Natale, composto da Bach negli anni in cui Kantor della chiesa di San Tommaso a Lipsia componeva ogni settimana per il servizio liturgico. Articolata in 64 brani, suddivisi in sei Cantate, questa opera monumentale fu composta a commento di passi del Vangelo e della Bibbia. Ogni Cantata si riferisce a una festività tra quelle comprese tra il Natale e l’Epifania e le prime tre – quelle che Pinnock dirigerà a Santa Cecilia – sono dedicate al Natale (I la Natività di Cristo; II l’annuncio ai Pastori; III l’arrivo dei pastori a Betlemme) e basate sul testo del Vangelo di San Luca.

Continua a leggere

Unknown

Un’edizione speciale della fiaba in musica Pierino e il lupo di Prokof’ev in streaming dal Teatro La Fenice il 25 dicembre Alla Fenice è 2 volte Natale: la speciale iniziativa promozionale della Fenice da mettere sotto l’albero.

COMUNICATO STAMPA                                                                         Venezia, dicembre 2020

 

Generali Valore Cultura al fianco della Fenice

dedica un concerto di Natale alle famiglie e alla comunità.

Un’edizione speciale della fiaba in musica Pierino e il lupo di Prokof’ev

in streaming dal Teatro La Fenice il 25 Dicembre

 

Alla Fenice è 2 volte Natale:

la speciale iniziativa promozionale della Fenice

da mettere sotto l’albero

  

Il regalo di Natale ai bambini e alle loro famiglie della Fondazione Teatro La Fenice è un’inedita produzione della fiaba musicale Pierino e il lupo di Sergej Prokof’ev, realizzata grazie a Generali Valore Cultura che anche quest’anno si conferma al fianco del Teatro per supportare la città e la sua comunità. Lo spettacolo, realizzato con l’Orchestra del Teatro La Fenice sotto la direzione musicale di Alvise Casellati, la voce recitante della pluripremiata attrice Sonia Bergamasco, le illustrazioni di Chiara Tronchin e le animazioni di Heads Collective, sarà trasmesso gratuitamente in streaming sul sito e sul canale YouTube del Teatro La Fenice il giorno di Natale, venerdì 25 dicembre 2020 alle ore 16.00, e resterà disponibile sul canale YouTube del Teatro veneziano per tutto il 2021.

L’iniziativa è sostenuta da Generali con il programma Valore Cultura che ha l’obiettivo di rendere l’arte e la cultura accessibili a un pubblico sempre più ampio e che, in quest’anno così particolare, ha stretto una collaborazione con il Teatro La Fenice per donare in occasione del Natale a tutte le famiglie italiane la poesia di Pierino e il lupo nella straordinaria cornice del Teatro veneziano.

Continua a leggere

FINE SETTIMANA IN MUSICA CON  “SEI A CASA AL TEATRO FILARMONICO”: Riprende l’attività artistica di Fondazione Arena

FINE SETTIMANA IN MUSICA CON “SEI A CASA AL TEATRO FILARMONICO”: Riprende l’attività artistica di Fondazione Arena

2020, Teatro Filarmonico - Foto Ennevi

 

Riprende l’attività artistica di Fondazione Arena e anche per il fine settimana di Santa Lucia, festa assai sentita per la città di Verona, la musica non si ferma e in sostituzione del cancellato titolo verdiano Un Ballo in maschera verrà proposto un doppio appuntamento protagonista su TeleArena, sulla webTV e sui canali social di Fondazione Arena all’interno dell’iniziativa #apertinonostantetutto in collaborazione con l’Anfols e l’Ansa.

TeleArena sabato 12 dicembre trasmetterà il concerto (già disponibile in streaming) diretto da Nikolas Nägele, mentre sabato 13 dicembre andrà in onda un nuovo e ricco programma che vedrà salire sul podio il primo violino Gunther Sanin per dirigere l’orchestra d’archi areniana, mettendo in risalto le interpretazioni solistiche dei violinisti Sofia Gelsomini e del Maestro stesso.

Continua a leggere

DANTONE NON DISPONIBILE, THARAUD E L'ORCHESTRA RAI INSIEME SENZA DIRETTORE

DANTONE NON DISPONIBILE, THARAUD E L'ORCHESTRA RAI INSIEME SENZA DIRETTORE

Domani alle 20.30 in diretta su Radio3 e in live streaming su www.raicultura.it

A causa di un'improvvisa indisponibilità, il maestro Ottavio Dantone non potrà dirigere il concerto con l'Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai in programma domani giovedì 10 dicembre alle 20.30 a porte chiuse all'Auditorium Rai "Arturo Toscanini" di Torino. La serata, trasmessa in live streaming sul portale di Rai Cultura e in diretta su Radio3, senza la presenza di pubblico, si svolgerà comunque e l'orchestra suonerà senza direttore. Confermata la presenza del giovane pianista francese Alexandre Tharaud, regolare ospite delle orchestre più prestigiose, da quella del Concertgebouw di Amsterdam alla London Philharmonic, ma noto anche per aver partecipato a importanti film come Amour di Michael Haneke, vincitore del Premio Oscar, dove interpreta il ruolo di un pianista che porta il suo nome, o come la pellicola biografica a lui dedicata dalla regista svizzera Raphaëlle Aellig-Régnier.

In apertura di concerto Tharaud proporrà una sua trascrizione per pianoforte solo dell'Adagietto dalla Quinta Sinfonia di Gustav Mahler. A seguire l'Orchestra della Rai sarà impegnata nell'Ouverture dalle Nozze di Figaro di Wolfgang Amadeus Mozart. In chiusura di serata, ancora Alexandre Tharaud proporrà il Concerto n. 9 in mi bemolle maggiore KV 271 per pianoforte e orchestra di Mozart, noto come Jeunehomme-Konzert, scritto nel 1777 dopo l’incontro a Salisburgo con la pianista francese conosciuta come Mademoiselle Jeunehomme: una virtuosa che stimolò con il suo pianismo e la sua personalità l’immaginazione del compositore ventiduenne.

In ottemperanza al Decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri del 3 novembre, il concerto si svolgerà a porte chiuse, senza la presenza del pubblico nell’Auditorium Rai “Arturo Toscanini” di Torino.

Take-Off

DAL 6 DICEMBRE LA STAGIONE DEL TEATRO GRANDE NELLO SPAZIO TELEVISIVO E DIGITALE


comunicato stampa  

 dicembre 2020  

LA STAGIONE DEL TEATRO GRANDE  

PROSEGUE NELLO SPAZIO  

TELEVISIVO E DIGITALE 

 

Con la sospensione dell’attività al pubblico la Fondazione del Teatro Grande reinventa la sua  programmazione trasferendosi nello spazio televisivo e digitale. Una modalità differente per mantenere un  contatto importante con il proprio pubblico e sostenere concretamente gli artisti e le professionalità che  orbitano attorno al mondo dello spettacolo dal vivo.  

Dopo la programmazione in streaming di tutta la Stagione d’Opera sulla piattaforma di OperaLombardia e  a poco più di un mese dalla chiusura dei Teatri, la Fondazione del Teatro Grande è oggi in grado di  presentare un nuovo palinsesto della Stagione settembre-dicembre 2020 che si sposta su piattaforme  televisive e digitali fruibili gratuitamente.  

Partner principali dell’iniziativa sono Classica HD e Teletutto che costituiscono due dei canali su cui verranno  trasmessi gli appuntamenti della Stagione che spazieranno dalla musica da camera alle sonorità jazz, fino a  includere un prestigioso recital d’Opera.  

Dopo la felice esperienza con i concerti realizzati in occasione dell’edizione 2020 di Festa dell’Opera, la  Fondazione ha deciso di estendere la propria offerta anche alla pagina Facebook del Teatro Grande come  terzo canale di fruizione.  

Il ricco palinsesto si aprirà domenica 6 dicembre alle ore 10.00 su Classica HD (canale 136 di Sky) e martedì 8  dicembre alle 20.30 sulla pagina Facebook del Teatro Grande con il primo concerto del ciclo delle Sonate  per pianoforte e violino di Mozart eseguite dal duo Fulvio Luciani e Massimiliano Motterle.  

Il pianoforte sarà protagonista anche del concerto di Andrea Rebaudengo che proporrà due composizioni in  un affascinante connubio tra musica classica e contemporanea. Il brano Stanze, composizione di Mauro  Montalbetti nonché produzione discografica della Fondazione del Teatro Grande, viene accostato a Miroir,  celebre suite di Maurice Ravel.  

Altro appuntamento che comporrà il nuovo palinsesto della Stagione è il Recital d’Opera Carmen con le  straordinarie voci di Francesco Meli, Annalisa Stroppa e Serena Gamberoni, accompagnate al pianoforte dal  Maestro Alessandro Trebeschi.  

La musica da camera sarà nuovamente protagonista con l’Ensemble del Teatro Grande che proporrà  l’esecuzione di brani di Robert Schumann e, infine, il gruppo di jazzisti TAKE OFF con l’interpretazione delle  composizioni Symphony for improvisers e Double voices, firmate da Mauro Montalbetti. TAKE OFF è il  progetto musicale nato nel 2016 che unisce musicisti dal background diversificato e provenienti dalle città di  Brescia e Bergamo. Proprio nell’interpretazione del jazz si intersecano i percorsi musicali degli otto musicisti  dell’Ensemble Take off la cui attività sarà ulteriormente incentivata nell’ambito delle iniziative legate a  Brescia e Bergamo Capitali della Cultura 2023.  

Teletutto inaugurerà il calendario dei concerti al Teatro Grande con un imperdibile appuntamento in prima  serata. Venerdì 25 dicembre sarà trasmesso in esclusiva il Concerto di Natale eseguito dall’Ensemble Vocale  e Strumentale Continuum diretto dal Maestro Luigi Azzolini. Realizzato in collaborazione con Settimane  Barocche di Brescia, l’evento vedrà la partecipazione dei solisti Karin Selva e Elena Bertuzzi (soprani), Chiara  Brunello (alto), Gianluca Zoccatelli (tenore) e Francesco Toso (basso). Con l’appuntamento natalizio si  conferma l’intenzione della Fondazione di condividere con la cittadinanza un concerto dal forte valore  simbolico che diventerà ricorrenza fissa tra le attività del Teatro. Il palinsesto di Teletutto proseguirà con gli  appuntamenti già diffusi da Classica HD e sarà distribuito secondo una cadenza settimanale: il sabato sera in  prima serata alle 20.30 dal 2 gennaio al 6 febbraio 2021.  

Anche la pagina Facebook del Teatro Grande avrà una programmazione settimanale: i concerti della  Stagione verranno trasmessi ogni martedì alle 20.30 dall’8 dicembre fino al 2 febbraio 2021.  

Segnaliamo infine che prosegue la programmazione streaming realizzata in collaborazione con i Teatri Sociale  di Como, Fraschini di Pavia e Ponchielli di Cremona sulla piattaforma dedicata www.operalombardialive.it.  L’opera Zaide tornerà online da venerdì 4 a domenica 6 dicembre e da giovedì 10 a sabato 12 dicembre 2020;  Werther sarà nuovamente visibile da venerdì 11 a domenica 13 dicembre 2020.  

Il Massimo cittadino resta fisicamente chiuso ma non interrompe il rapporto con il suo pubblico, nell’attesa  di poterlo nuovamente riaccogliere dal vivo. Per questo la Fondazione del Teatro Grande promuove una  

fruizione gratuita e amplificata, coinvolgendo gli artisti con cui proficuamente collabora da anni.

 

Continua a leggere

TCBO: ASHER FISCH INTERPRETA BEETHOVEN IL 6 DICEMBRE IN STREAMING

TCBO: ASHER FISCH INTERPRETA BEETHOVEN IL 6 DICEMBRE IN STREAMING

 

 

Comunicato stampa

 

TCBO: ASHER FISCH INTERPRETA BEETHOVEN

 

Domenica 6 dicembre alle 17.30 in streaming sul canale YouTube del Teatro 

nell'ambito dell'iniziativa #apertinonostantetutto

 

Torna sul podio dell'Orchestra del Teatro Comunale di Bologna l'israeliano Asher Fisch, protagonista del primo concerto del palinsesto #apertinonostantetutto che sarà trasmesso in streaming gratuitamente sul canale  Youtube (https://www.youtube.com/channel/UC2YPqJpxc4Hof43oHcdCvvw) del Teatro domenica 6 dicembre alle 17.30 e diffuso attraverso la piattaforma digitale dell' ANFOLS https://www.anfols.it/webtv/. L'appuntamento, registrato a porte chiuse con i musicisti disposti nella platea svuotata dalle poltrone, dà il via a un ciclo di tre concerti che celebrano Ludwig van Beethoven nei 250 anni dalla nascita, diretti da Asher Fisch. In programma la Seconda, la Terza e la Quarta Sinfonia del compositore tedesco, cui seguiranno la Quinta e la Sesta il 13 dicembre e la Settima e l'Ottava il 20 dicembre. 

La Sinfonia n. 2 in re maggiore op. 36, composta a inizio Ottocento in un momento personale difficile per Beethoven, non ricambiato sentimentalmente dalla contessina Giulietta Guicciardi e ormai sempre più consapevole della sua sordità, ha segnato una svolta nello stile del compositore. Ma è con la Sinfonia n. 3 in mi bemolle maggiore op. 55 detta “Eroica”, presentata al pubblico al Theater an der Wien nel 1805, che emerge in modo vivido la personalità di Beethoven, calato nella storia e negli ideali del suo tempo. È noto l'aneddoto sull'iniziale dedica dell'opera a Napoleone Bonaparte, poi distrutta a seguito della delusione per la sua incoronazione a Imperatore. Chiude il programma del concerto la Sinfonia n. 4 in si bemolle maggiore op. 60, descritta da Robert Schumann come “una slanciata fanciulla greca fra due giganti nordici”, per la leggerezza e l'eleganza che la contraddistinguono rispetto all'imponenza della Terza e della Quinta Sinfonia.

Continua a leggere

Sospeso il concerto di Frédéric Chaslin Confermati i prossimi appuntamenti: il Concerto di Natale in live-streaming su sito e canale YouTube del Teatro il Concerto di Capodanno in diretta televisiva su Rai1

Sospeso il concerto di Frédéric Chaslin Confermati i prossimi appuntamenti: il Concerto di Natale in live-streaming su sito e canale YouTube del Teatro il Concerto di Capodanno in diretta televisiva su Rai1

COMUNICATO STAMPA                                                                         Venezia, dicembre 2020

 

Sospeso il concerto di Frédéric Chaslin

 

Confermati i prossimi appuntamenti:

il Concerto di Natale in live-streaming su sito e canale YouTube del Teatro

Continua a leggere

"LA FANCIULLA DEL WEST" IN LIVE STREAMING PER OPERALOMBARDIA 25/11/2020 h 20.30

"LA FANCIULLA DEL WEST" IN LIVE STREAMING PER OPERALOMBARDIA 25/11/2020 h 20.30

OPERALOMBARDIA IN STREAMING

LA FANCIULLA DEL WEST di Giacomo Puccini

Recital d’Opera

25 NOVEMBRE 2020 ore 20.30

LIVE STREAMING DAL TEATRO FRASCHINI DI PAVIA

Comunicato stampa

Prosegue il progetto streaming della Stagione di OperaLombardia, la rete dei Teatri di Tradizione lombardi che accoglie anche il Teatro Grande di Brescia.

Dopo il successo delle dirette di Werther di Jules Massenet dal Teatro Grande di Brescia (giovedì 12 novembre) e di Zaide di Mozart/ Calvino al Teatro Sociale di Como (venerdì 20 novembre), il palinsesto streaming di Opera Lombardia si arricchisce di un nuovo titolo: mercoledì 25 novembre alle ore 20.30 sul sito www.operalombardialive.it sarà possibile assistere a una selezione di brani tratti dalla Fanciulla del West di Giacomo Puccini, un recital d’opera della durata di un’ora circa che vedrà protagonisti Rebeka Lokar (soprano, ad interpretare Minnie), Angelo Villari (tenore, nei panni di Dick Johnson, alias Ramerrez), Devid Cecconi (baritono, nel ruolo di Jack Rance, sceriffo), accompagnati al pianoforte dal Maestro Valerio Galli, esperto conoscitore delle partiture pucciniane che vedremo in questa occasione impegnato al pianoforte anziché alla direzione d’orchestra.

Continua a leggere

images

Regio Opera Shop: manufatti artigianali unici ed esclusivi per portare un pezzo di storia del Regio a casa propria dal 22 novembre a portata di click

COMUNICATO STAMPA 

REGIO OPERA SHOP

Cuscini e arazzi sartoriali, sfere natalizie in preziose stoffe e in terracotta decorata a mano, originali e preziose riproduzioni dei putti e delle maschere che decorano i palchi del Teatro Regio  in polvere di marmo decorata a foglia d’oro,  l’esclusiva eau de parfum Regio Parma, i volumi illustrati per i più piccoli della collana I miti dell’Opera e molto altro ancora.

Una selezionata offerta di creazioni originali, manufatti artigianali, pezzi unici che racchiudono la sapienza artigianale del Regio, da oggi a portata di click sul nuovo shop on line, www.teatroregioparma.it/shop  oltre che al Bookshop del teatro,

per portare un pezzo di storia del Regio a casa propria .  Nuovi manufatti carichi di storia e fascino teatrale, nati da marzo scorso, quando le nostre vite sembravano ferme, nelle fucine creative del Teatro Regio, sono pronti a raggiungere le case degli appassionati in tutto il mondo in un un click dal Regio Opera Shoponline dal 22 novembre 2020 su  teatroregioparma.it/shop.

Una selezionata offerta di creazioni originali del Teatro Regio di Parma: manufatti artigianali, pezzi unici, prodotti editoriali, preziosi profumi, giochi prima di allora inimmaginati, ognuno dei quali racconta una storia fatta di passione, di tenacia e di tradizione tutta italiana, dischiuderanno così al mondo la sapienza, le abilità artigianali, la creatività di cui sono intrisi, emerse dalla scuola del Regio, dove nei laboratori di sartoria e scenografia, oltre che nei dipartimenti dedicati allo sviluppo di nuove progettualità, il talento dà corpo alle idee e le idee si trasformano in opere d’arte, da secoli.

Cuscini e arazzi sartoriali, sfere natalizie in preziose stoffe e in terracotta decorata a mano, originali riproduzioni dei putti e delle maschere che decorano i palchi del Teatro Regio, l’esclusiva Eau de parfum Regio Parmaby Gianluca Bulega e molto altro. I manufatti delle nuove collezioni del Teatro Regio, assieme ai prodotti già in catalogo, saranno acquistabili anche al Bookshop del Teatro, nei consueti orari di apertura: da martedì a sabato, dalle ore 10.00 alle 13.00 e dalle 14.30 alle 17.30.

Continua a leggere

FOTO ENNEVI

STREAMING E MOLTO ALTRO PER GLI ULTIMI APPUNTAMENTI DELLA STAGIONE ARTISTICA 2020: SEI A CASA AL TEATRO FILARMONICO

2020, Orchestra della Fondazione Arena di Verona al Teatro Filarmonico - Foto Ennevi

 

Si rafforza l’impegno di Fondazione Arena nella promozione della grande musica con la diffusione in streaming dei concerti chiusi al pubblico a seguito dei decreti per la gestione dell’emergenza Covid. Gli appuntamenti fino al 31 dicembre, oltre che sulla webtv www.arena.it/tv e sui canali social Facebook e Youtube, saranno trasmessi in chiaro sull’emittente TeleArena, a conferma dell’impegno culturale, sociale ed educativo di Fondazione Arena.

 

Il Teatro esiste dove c’è pubblico. Dopo un’estate in Arena costellata da “prime volte” in un clima di festa per essere tornati a fare musica dal vivo, il 16 ottobre il Teatro Filarmonico aveva nuovamente aperto le porte ai suoi spettatori. I nuovi decreti, che hanno disposto la chiusura al pubblico delle sale teatrali, non hanno però fermato l’impegno di Fondazione Arena che, prima tra le grandi Fondazioni liriche italiane, si è attivata per offrire online la sua Stagione Artistica. 

Continua a leggere

foto by Julian Hargreaves

RAI: GRANDI DIRETTORI E SOLISTI, LA MUSICA NON SI FERMA

CS:

RAI: GRANDI DIRETTORI E SOLISTI, LA MUSICA NON SI FERMA

Rai Cultura al fianco delle istituzioni musicali italiane

Zubin Mehta, Daniel Harding, Daniele Gatti, Antonio Pappano, Beatrice Rana. E il 7 dicembre con la Scala e Riccardo Chailly. La grande musica firmata Rai non si ferma. Anche con i teatri chiusi al pubblico, per effetto della pandemia, le più significative produzioni musicali italiane arrivano in tv e sul web grazie all’impegno di Rai Cultura, che continua a proporle.

Tra i protagonisti l’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai, che prosegue con i suoi concerti il giovedì sera alle 20.30, tutti trasmessi in live streaming sul sito www.raicultura.it e in diretta su Radio3. Oggi, giovedì 12 novembre, è in programma la prima esecuzione assoluta del concerto per pianoforte e orchestra Tre quadri, di Francesco Filidei, commissionato insieme al Festival Milano Musica. 

Nelle settimane successive saranno protagonisti grandi direttori come James Conlon e Daniel Harding, affiancati da musicisti più giovani ma già affermati come Robert Trevino e il violoncellista Kian Soltani. Molti di questi concerti saranno anche trasmessi su Rai5: domenica 15 novembre alle 21.15 sarà proposto in differita il programma diretto da Daniele Gatti, che interpreta Wagner e Beethoven, registrato il 5 novembre, mentre domenica 22 novembre, sempre alle 21.15 sempre su Rai5, andrà in onda il concerto di stasera, con la prima assoluta di Filidei.

Continua a leggere

A novembre cinque concerti trasmessi in diretta, tramite web, dal Teatro La Fenice e dal Teatro Malibran

A novembre cinque concerti trasmessi in diretta, tramite web, dal Teatro La Fenice e dal Teatro Malibran

COMUNICATO STAMPA                                                                     Venezia, 3 novembre 2020

A novembre la Fenice è in live-streaming:

cinque concerti trasmessi in diretta, tramite web,

dal Teatro La Fenice e dal Teatro Malibran

                                                                                              

A novembre la Fenice è in live-streaming: è con cinque grandi concerti, che si svolgeranno in diretta web dal Teatro La Fenice e dal Teatro Malibran dal 14 al 27 novembre 2020, che la Fondazione Teatro La Fenice ha infatti deciso di rispondere e reagire alla difficile situazione imposta dall’emergenza epidemiologica e dalle nuove norme di contenimento dettate dai più recenti dpcm. Per tre fine settimana consecutivi, con concerti alle ore 17.30, la Fenice offrirà al suo pubblico ancora una volta la grande musica interpretata dai più grandi artisti, stavolta diffondendola dai palcoscenici dei teatri veneziani tramite trasmissioni web in diretta attraverso il suo sito (https://www.google.com/url?q=http://www.teatrolafenice.it&source=gmail&ust=1604596216663000&usg=AFQjCNG-jwzJzQTaBJhjsyvOv8Pw6whZDQ">www.teatrolafenice.it) e il suo seguitissimo canale YouTube. Una menzione particolare merita il concerto in chiusura di rassegna, uno degli appuntamenti più attesi, che vedrà Myung-Whun Chung dirigere la Nona Sinfonia di Ludwig van Beethoven: se le misure di contenimento non saranno prorogate o inasprite, l’evento si potrà svolgere dal vivo con il pubblico presente in sala e le repliche allora saranno due, venerdì 27 e sabato 28 novembre 2020; nella peggiore delle ipotesi, resta comunque confermato l’evento in diretta streaming per venerdì 27 novembre.

Continua a leggere

Lezioni-di-suono-Stefano-Catucci

l'OPV su Rai 5 con la nuova serie di Lezioni di suono

L’OPV torna su Rai 5

con la nuova serie di Lezioni di suono dedicata a Berio

Dal 5 al 19 novembre su Rai 5, alle 22.00 circa, il programma di approfondimento musicale targato OPV indagherà il rapporto tra Luciano Berio e i grandi compositori della storia, per la direzione del M° Marco Angius.

Tra divulgazione ed esecuzione musicale, l’OPV torna in tv in compagnia di tre tra i più apprezzati musicologi italiani: Guido Barbieri, Sandro Cappelletto e Stefano Catucci 

Nel mese di novembre l’Orchestra di Padova e del Veneto tornerà protagonista del palinsesto televisivo di Rai5 con una nuova serie di Lezioni di suono, l’originale formula di approfondimento musicale ideata dal Direttore dell’OPV Marco Angius che vede la diretta interazione dell’Orchestra con gli spunti e le sollecitazioni offerte da un relatore, in una successione che passa dai concetti ai suoni in tempo reale.

Continua a leggere

ACCADEMIA DI SANTA CECILIA - ANTONIO PAPPANO E BEATRICE RANA PER SCHUMANN

ACCADEMIA DI SANTA CECILIA - ANTONIO PAPPANO E BEATRICE RANA PER SCHUMANN

Accademia Nazionale di Santa Cecilia 20/21

 

Sala Santa Cecilia – venerdì 6 novembre ore 20.30

 

Antonio PAPPANO – Beatrice RANA

SCHUMANN concerto in la minore

IN DIRETTA RADIO E LIVE STREAMING

In osservanza al Dpcm del 25 ottobre il concerto si svolgerà senza pubblico e verrà trasmesso alle ore 20.30 in diretta radiofonica su Rai Radio Tre e in streaming su http://raicultura.it

In ottemperanza delle attuali norme restrittive, la Stagione Sinfonica dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia (Auditorium Parco della MusicaSala Santa Cecilia venerdì 6 ore 20.30) prosegue con concerti senza pubblico in sala trasmessi in diretta radiofonica su Rai Radio Tre, in live streaming su http://raicultura.it

Lo stesso concerto andrà in onda su Rai 5 in prima serata - ore 21.15 - mercoledì 18 novembre. La programmazione, rimodulata in base ai divieti è costretta per il momento a rinunciare alla presenza di artisti stranieri, ma nonostante questo l’altissima qualità dell’offerta ceciliana non ne risente. Sotto la direzione di Antonio Pappanol’Orchestra dell’Accademia di Santa Cecilia accompagnerà infatti una delle stelle più luminose del panorama internazionale, l’italianissima Beatrice Rana protagonista della scena pianistica con un’intensa attività, e che, dopo questo concerto straordinario, tornerà sul palco di Santa Cecilia nel mese di marzo con il Concerto n. 2 di Rachmaninoff.

Dopo uno sfavillante debutto ceciliano nel Capodanno 2015, Beatrice Rana è diventata negli anni un’amatissima habituée di Santa Cecilia, offrendo al pubblico programmi che spaziando da Bach, Schumann e Chopin ai più recenti Stravinskij e Bernstein, hanno offerto la possibilità di apprezzare il talento della pianista salentina in interpretazioni di brani molto diversi tra loro. Il Concerto per pianoforte in la minore di Schumann  presentato dall’autore a Lipsia nel 1846 – è considerato uno dei brani più rappresentativi della complessa personalità musicale del compositore e uno dei più celebri concerti romantici.

Atmosfera completamente diversa nella Kammersymphonie op. 9 nella quale Arnold Schönberg rompe il legame con il passato e inizia l’esplorazione del percorso dodecafonico che diventerà il tratto distintivo della sua arte. Il programma si conclude con l’energia trascinante della Sinfonia n. 35 di W.A. Mozart, “Haffner” dal nome del committente, per il quale il compositore scrisse nell’estate dapprima una Serenata, rimaneggiata nella primavera dell’anno seguente ed eseguita a Vienna come sinfonia.

Continua a leggere

La Maremma per Dante – Cultura per la vita

La Maremma per Dante – Cultura per la vita

COMUNICATO

La  proposta in breve

"La Maremma per Dante, Cultura per la vita" intende proporre una serie di iniziative destinate ai residenti della provincia di Grosseto, ai visitatori prevenienti dall'Italia e dall'estero, per celebrare l'opera e il pensiero di Dante. Si propongono conferenze, spettacoli teatrali, concerti, presentazioni di libri, videoconferenze, mostre d'arte e mostre documentarie, attività sportive e conviviali, visite guidate, percorsi itineranti nei luoghi citati nella Commedia dantesca (Castello di Pietra, Campagnatico ed altri luoghi), produzioni editoriali e creazioni di artigianato artistico, al fine di valorizzare il legame tra Dante Alighieri e la Maremma, come risulta anche nei canti della Commedia.

Questo progetto si ispira ai principi della cittadinanza attiva e sollecita il coinvolgimento delle risorse del territorio, mira all'inclusione e alla realizzazione di occasioni di turismo esperienziale, turismo delle radici e promozione del concetto di "vivere all'italiana".

SOCIETA' CORALE GIACOMO PUCCINI APS

Fondata a Grosseto nel 1914

CON IL PATROCINIO DI:

CONCORSO DI COMPOSIZIONE CORALE

“PUCCININSIEME a IL SOMMO POETA”

PRIMA

EDIZIONE

Continua a leggere

MUSICA: LA LIRICA NON SI ARRENDE “APERTI, NONOSTANTE TUTTO”

MUSICA: LA LIRICA NON SI ARRENDE “APERTI, NONOSTANTE TUTTO”

 COMUNICATO STAMPA

 

Roma, 27 ottobre 2020

MUSICA: LA LIRICA NON SI ARRENDE “APERTI, NONOSTANTE TUTTO”

Le 12 Fondazioni lirico-sinfoniche italiane aderenti ad ANFOLS rispondono alla sospensione degli spettacoli. Palinsesto unico di produzioni in live-streaming realizzate ad hoc, in assenza di pubblico ma con gli artisti in presenza, che sarà trasmesso e condiviso attraverso gli strumenti informatici di tutte le Fondazioni.

“Siamo consapevoli della gravità e della delicatezza della situazione generale in cui versa il Paese e non possiamo non prendere atto delle parole del Presidente del Consiglio e del Ministro Franceschini con riferimento alle recenti decisioni del Governo” - affermano Francesco Giambrone e Fulvio Macciardi, rispettivamente presidente e vicepresidente dell’Associazione Nazionale Fondazioni Lirico Sinfoniche (ANFOLS) la cui assemblea si è riunita ieri in via d’urgenza per valutare le conseguenze del DPCM che ha disposto la sospensione degli spettacoli.

Continua a leggere

Concerto-24-ottobre

Dal 24 ottobre inizia con Vivaldi la Stagione dei Concerti dell’Orchestra del Teatro Cilea di Reggio Calabria

In sinergia con l’Accademia del Tempo Libero, il Circolo Culturale Rhegium Julii e la Fondazione Febea, quattro concerti presso l’Auditorium Zanotti – Bianco di Reggio Calabria

Il prossimo 24 ottobre parte la prima stagione di concerti 2020 organizzata dall’Orchestra del Teatro Cilea di Reggio Calabria in sinergia con l’Accademia del Tempo Libero, il Circolo Culturale Rhegium Julii e la Fondazione Febea.

I quattro concerti verranno tutti proposti, alle ore 19.00, presso l’Auditorium “Zanotti – Bianco” di Reggio Calabria, sito in via G. Melacrino, 34.

 La Stagione, che è un vero e proprio percorso storico che attraversa i vari periodi della musica “colta”, sarebbe dovuta partire a marzo scorso, ma causa del lockdown non è stato possibile. Si è scelto consapevolmente di voler riproporre il cartellone com’era stato pensato dai Direttori Artistici Pasquale Faucitano e Alessandro Carere.

Il primo appuntamento avrà come protagonista Antonio Vivaldi e al centro “Le quattro stagioni” suonate dal violino di Pasquale Faucitano. La celeberrima composizione vivaldiana sarà preceduta dal concerto per chitarra e archi, sempre del “Prete Rosso”, eseguito dal M° Alessandro Calcaramo.

Continua a leggere

harding-fenice

Annunciata programmazione teatro La Fenice 30 ottobre 2020 -16 febbraio 2021

COMUNICATO STAMPA                                                                             Venezia, ottobre 2020

 

Valčuha inaugura la Stagione Sinfonica 2020-2021

A seguire Muti con l’Orchestra Cherubini, Chung, Chaslin

Moretti, Haenchen, Capuano, Harding, Lonquich, Venzago e Stenz

 

Fidelio di Beethoven inaugura la stagione lirica

a gennaio il Rinaldo di Händel nello storico allestimento di Pizzi

Per il Carnevale 2021, un nuovo allestimento della Cenerentola di Rossini

                                                                                              

La Fondazione Teatro La Fenice annuncia la prima parte della Stagione 2020-2021, un fitto e appassionante calendario di eventi musicali in programma dal 30 ottobre 2020 al 16 febbraio 2021: il cartellone prevede tre allestimenti lirici, nove concerti sinfonici e corali, il tradizionale Concerto di Natale e i Concerti di Capodanno. Main partner della stagione Intesa Sanpaolo, Socio Sostenitore della Fondazione Teatro La Fenice dal 1° gennaio 2019.

«Annunciamo oggi una programmazione artistica nel segno della sostenibilità – ha dichiarato Fortunato Ortombina, sovrintendente e direttore artistico del Teatro La Fenice –: voglio ricordare ancora una volta che il teatro è un luogo sicuro, dove sono rispettate pienamente le norme sanitarie anti-Covid. Sono rispettate innanzitutto in palcoscenico, dove il set scenografico allestito consente in ogni momento agli artisti e alle masse artistiche di esibirsi nel rispetto del distanziamento sociale. E sono rispettate anche negli spazi destinati al pubblico».

Prestigiosi e di grande attrazione sono i nomi che compongono il cartellone sinfonico, che comincerà a fine ottobre con un evento d’eccezione: Juraj Valčuha, alla testa dell’Orchestra del Teatro La Fenice, dirigerà La mer di Claude Debussy e i Quadri di un’esposizione di Modest Musorgskij nell’orchestrazione di Maurice Ravel; saranno coinvolti organici di quasi novanta elementi, ma che l’inedito set scenografico consentirà ai professori d’orchestra di rispettare il distanziamento sociale imposto dalle misure di contenimento anti-Covid (30, 31 ottobre 2020).

È in programma nel mese di novembre l’attesissimo concerto straordinario diretto da Riccardo Muti: il maestro torna alla Fenice a cinquant’anni esatti dal suo debutto veneziano, per dirigere l’Orchestra Giovanile Luigi Cherubini nell’esecuzione della Terza Sinfonia di Franz Schubert e nella Sinfonia n. 9 Dal nuovo mondo di Antonín Dvořák (23 novembre 2020): «Questo concerto riveste per noi un’importanza particolare – ha commentato Fortunato Ortombina – non solo per la ricorrenza ma anche per l’affetto che dobbiamo al maestro Muti: fu proprio lui infatti che portò l’Orchestra del Teatro La Fenice al Teatro alla Scala dopo poche settimane dal disastroso incendio che distrusse il teatro veneziano, e fu sempre lui a ‘riportare’ le nostre compagini sul palcoscenico della Fenice ricostruita, dirigendole nel grande concerto inaugurale che segnò definitivamente la riapertura della sala nel 2003».

Altro attesissimo ritorno, sempre nel mese di novembre, sarà quello di Myung-Whun Chung, che alla testa dell’Orchestra e del Coro del Teatro La Fenice interpreterà la Nona Sinfonia di Ludwig van Beethoven con la complicità delle voci soliste del soprano Laura Aikin, del mezzosoprano Anke Vondung, del tenore Michael Schade e del basso Thomas Johannes Mayer (27 e 29 novembre 2020).

Quattro i concerti sinfonici e corali che si succederanno a stretto giro nel mese di dicembre: Frédéric Chaslin (5 e 6 dicembre 2020) e Hartmut Haenchen (12 e 13 dicembre 2020) proporranno rispettivamente la Symphonie fantastique di Hector Berlioz con il Boléro di Maurice Ravel, e la Settima Sinfonia di Gustav Mahler; Claudio Marino Moretti guiderà il Coro e gli strumentisti del Teatro La Fenice nell’esecuzione del Requiem di Alfred Schnittke, in un concerto che si svolgerà nell’ambito del Premio Una vita nella musica 2020 che sarà assegnato al compianto Mario Messinis (11 dicembre 2020); mentre non mancherà il tradizionale Concerto di Natale che in questo anno così particolare si terrà al Teatro La Fenice ne saranno protagonisti ancora una volta l’Orchestra e il Coro del Teatro La Fenice, che sotto la direzione musicale di Gianluca Capuano eseguiranno il Te Deum di Marc-Antoine Charpentier e due pagine di Arcangelo Corelli tra cui il Concerto grosso fatto per la notte di Natale (19 e 20 dicembre 2020).

Confermato e più atteso che mai è l’appuntamento con il Concerto di Capodanno. A dirigere la diciottesima edizione del prestigioso evento sarà Daniel Harding: il maestro britannico tornerà a condurre le compagini veneziane in un programma come da tradizione dedicato al melodramma, con una carrellata di arie, duetti e passi corali dal repertorio operistico più amato che si concluderà con il «Va’ pensiero» dal Nabucco e con il brindisi «Libiam ne’ lieti calici» dalla Traviata di Giuseppe Verdi (29, 30 e 31 dicembre 2020, 1 gennaio 2021). Per la replica del primo giorno dell’anno è confermata la diretta televisiva di Rai1.

Alexander Lonquich (9 e 10 gennaio 2021), Mario Venzago (Teatro Malibran 15 e 17 gennaio 2021) e Markus Stenz (Teatro Malibran 30 e 31 gennaio 2020) saranno i direttori protagonisti del cartellone sinfonico all’inizio del nuovo anno: proporranno pagine sinfoniche e concertistiche dal classicismo al Novecento: Lonquich, impegnato nella doppia veste di direttore e solista al pianoforte, eseguirà il Concerto per pianoforte e orchestra kv 482 di Wolfgang Amadeus Mozart e la Sinfonia n. 9 d 944 Grande di Franz Schubert; Venzago proporrà l’ascolto della Sinfonia n. 100 Militare di Franz Joseph Haydn e la Quarta Sinfonia di Johannes Brahms mentre Stenz accosterà le musiche di scena dal Bürger als Edelmann di Richard Strauss alla Sinfonia n. 41 kv 551 Jupiter di Wolfgang Amadeus Mozart.

Sul versante lirico, la Fenice proporrà in apertura di Stagione il Fidelio di Ludwig van Beethoven, un omaggio al maestro di Bonn nel duecentocinquantesimo anniversario della nascita. L’opera verrà proposta in un nuovo allestimento del Teatro veneziano, con la regia di Joan Anton Rechi e sotto la direzione musicale di Myung-Whun Chung. Il cast prevede la partecipazione di Vincent Wolfsteiner (Florestan), Samuel Youn (Don Pizzaro), Maida Hundeling (Leonore), Franz-Josef Selig (Rocco), Eva Liebau (Marzelline), Leonardo Cortellazzi (Jaquino). Unica opera lirica composta da Beethoven, Fidelio si basa su un libretto di Joseph Sonnleithner e Georg Friedrich Treitschke tratto dalla Léonore di Jean-Nicolas Bouilly, un testo del 1798 del genere ‘à sauvetage’ allora molto in voga, già musicato da diversi compositori. Complessa e tormentata la genesi, tanto che se ne conoscono tre versioni: la prima fu composta nel 1804-5 in tre atti e andò in scena nel 1805 nella Vienna occupata dalle truppe francesi. La terza e definitiva versione, in due atti, risale invece al 1814, e debuttò al Kärntnertortheater. Fidelio sarà in scena al Teatro La Fenice il 20, 24 e 28 novembre 2020.

La prima parte della Stagione si chiuderà con l’allestimento di Rinaldo di Georg Friedrich Händel: si tratta anche in questo caso di un omaggio a un grande uomo di teatro, Pier Luigi Pizzi, nella ricorrenza del suo novantesimo compleanno. Alla Fenice andrà in scena infatti lo storico allestimento ideato dal regista, scenografo e costumista milanese nel 1985 per il Teatro Municipale di Reggio Emilia, ricostruito grazie alla collaborazione della Fenice con il Teatro dell’Opera di Firenze. Responsabile della parte musicale sarà Federico Maria Sardelli, alla guida di un cast che si compone di alcune tra le migliori voci specialiste del repertorio settecentesco: Teresa Iervolino (Rinaldo), Leonardo Cortellazzi (Goffredo), Francesca Aspromonte (Almirena), Ruth Iniesta (Armida), Andrea Patucelli (Argante), William Corrò (mago). Tra le pagine più rappresentative e ‘spettacolari’ dell’opera barocca, Rinaldo è un dramma per musica in tre atti su libretto di Giacomo Rossi, liberamente tratto dalla Gerusalemme liberata di Torquato Tasso:  è la prima opera composta da Händel per il pubblico londinese – debuttò al Queen’s Theatre il 24 febbraio 1711 – e il primo melodramma in italiano realizzato per un teatro inglese. Sarà in scena al Teatro La Fenice, a trentadue anni dall’ultima rappresentazione, il 22, 23 e 26 gennaio 2021.

Continua a leggere

Ivn-Fischer_03_Istvn-Kurcsk-scaled

VICENZA OPERA FESTIVAL AL TEATRO OLIMPICO
FISCHER E LA BFO PROMETTONO GRANDE MUSICA

Domenica 25 e lunedì 26 ottobre Iván Fischer e la sua Budapest Festival Orchestra tornano al Teatro Olimpico di Vicenza, con un ottimo cast di cantanti, per una speciale edizione del Vicenza Opera Festival. Il concerto di domenica, dedicato a Paolo Marzotto, si potrà seguire gratuitamente su un maxischermo posto nel loggiato della Basilica palladiana. In programma  sinfonie di Haydn e Beethoven, il Canto della terra e Arianna a Nasso.

A pochi giorni dalla conferma di essere ancora una volta nell'esclusivo elenco delle 10 migliori orchestre del mondo – secondo la classifica stilata dall'autorevole BBC Music Magazine – la Budapest Festival Orchestra guidata da Iván Fischer torna al Teatro Olimpico di Vicenza per la terza edizione del Vicenza Opera Festival, in programma domenica 25 e lunedì 26 ottobre con l'organizzazione della Società del Quartetto.

Edizione, questa, del tutto speciale e in qualche modo condizionata dal Covid 19 – che ad esempio non farà arrivare a Vicenza i tanti sostenitori internazionali del festival – ma il programma disegnato da Iván Fischer è comunque molto accattivante. Speculari gli impaginati delle due serate: nella prima parte c'è una grande pagina sinfonica (domenica la numero 104 in Re maggiore di Haydn, lunedì la “Pastorale” di Beethoven) e nella seconda due capolavori per voci e orchestra come Arianna a Nasso di Richard Strauss (domenica sarà eseguita l'aria Eis gibt ein Reich e l'ultima scena dell'opera) e la sera seguente Il canto della terra di Gustav Mahler nella versione curata da Schönberg.

Nelle note che accompagnano il programma il direttore ungherese spiega che è proprio la voce umana il pensiero centrale dell'edizione 2020 del festival vicentino: una voce che canta e accompagna la metamorfosi, un tema dunque di estrema attualità in questo particolare frangente che tutto il mondo sta vivendo.

Ciascuno dei due concerti in programma, poi, è accompagnato da una dedica particolare. Quello di domenica 25 è dedicato a Paolo Marzotto, scomparso pochi mesi or sono: «per ricordare il nostro amorevole amico e mecenate – spiega Fischer – ho pensato da una parte  a una delle più grandiose e divertenti sinfonie di Haydn, dall'altra all'esaltazione dell'amore che emerge dal lavoro di Richard Strauss». Grazie a Caroline Marzotto il pubblico potrà seguire gratuitamente il concerto di domenica 25 anche su un maxischermo posto nel loggiato inferiore della Basilica Palladiana.

Continua a leggere

1

TCBO: SINGOLO CASO POSITIVO AL COVID-19, ASINTOMATICO, GIÀ IN ISOLAMENTO


 

Comunicato stampa

Confermati tutti gli spettacoli in programma

La Direzione del Teatro Comunale di Bologna ha appreso la notizia della positività al COVID-19 di un'artista del coro, che non presenta sintomi ed era già in isolamento fiduciario in quanto in presenza di positività in ambito familiare. La Direzione del TCBO tiene a informare che la situazione è sotto controllo e che, d'intesa con i medici competenti, sono state predisposte due settimane di quarantena per coloro che sono stati identificati come contatti stretti, mentre per tutti gli altri lavoratori del Teatro viene mantenuta la normale attività programmata. 
La Direzione del Teatro ha informato anche la ASL competente, che sta operando secondo quanto conforme all'attivazione dei protocolli sanitari. Ad integrazione, il Teatro sta predisponendo uno screening generale – che era già stato previsto prima di questo caso di positività – per offrire l'opportunità di un tampone generalizzato a tutti i dipendenti, di modo da avere un quadro della situazione il più possibile attendibile entro la fine del corrente mese di ottobre. 
Il TCBO informa pertanto il pubblico che le tre recite in forma di concerto della Madama Butterfly di Giacomo Puccini, in programma il 18, 20 e 21 ottobre al PalaDozza, si svolgeranno regolarmente pur non potendo assicurare la presenza del coro femminile. «Abbiamo scelto di andare in scena comunque – dice il sovrintendente Fulvio Macciardi – perché riteniamo, in accordo col M° Steinberg, che in Madama Butterfly con piccoli accorgimenti si possa garantire un felice esito artistico pur senza il coro femminile. Teniamo a ribadire il fatto che i teatri sono luoghi sicuri, non perché si possa essere certi che non si verifichino contagi – ogni posto che accoglie persone può potenzialmente essere raggiunto dal virus, ed è un tema che riguarda la vita quotidiana di tutti noi in questo difficile momento –; il teatro è un luogo sicuro poiché estremamente controllato e costantemente monitorato, dove si può intervenire tempestivamente grazie a uno scrupoloso protocollo igienico-sanitario e a un rigido sistema di monitoraggio per garantire la massima tutela dei lavoratori e degli spettatori. Ringrazio tutti per l'importante lavoro che si sta svolgendo al fine di continuare l'attività con serenità e in sicurezza».

17.10.2020